A Polistena è quasi primavera

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Completata la ristrutturazione del palazzo, si lavora alla costruzione delle relazioni e della comunità

Si sta per mettere un piede fuori dall’inverno e il sole inizia ad essere più alto anche sugli agrumeti della Calabria. Nella cooperativa sociale Valle del Marro, a Polistena, si radunano le cassette di arance adesso che il raccolto sta finendo e si pianifica una nuova stagione di lavoro.

I soci della cooperativa, insieme al gruppo parrocchiale cittadino, sono impegnati nella promozione del Centro Polifunzionale “Pino Puglisi” nato all’interno del palazzo confiscato alla mafia e ristrutturato grazie al supporto di Unicoop Firenze e Fondazione Il Cuore si scioglie.

Workshop con i giovani di PolistenaSi vuole fare in modo che quel luogo, una volta fulcro della malavita locale, diventi uno spazio vissuto dai cittadini e dai giovani, anche dei paesi limitrofi. Per questo si stanno organizzando degli incontri con realtà e persone attive a livello imprenditoriale, culturale e artistico (come ad esempio l’associazione “Mammalucco”) che possono portare delle idee per lo sviluppo della comunità. A metà febbraio c’è stato il primo workshop sul tema dell’identità dei luoghi (foto) per esplorare il rapporto di ognuno con la città e immaginare insieme come ridisegnarla, soprattutto a livello di relazioni e simboli.

All’interno dello stesso palazzo è inoltre in programma la realizzazione di un ostello che servirà ad accogliere i ragazzi che ogni estate vengono a Polistena per partecipare ai campi di lavoro organizzati in collaborazione con Libera e l’apertura di una bottega alimentare con i prodotti delle terre confiscate.

Un lavoro importante di inclusione sociale e contrasto all’illegalità è anche quello portato avanti da Emergency che al primo piano dello stabile ha aperto, da oltre un anno, un ambulatorio che offre cure gratuite e assistenza a migranti e lavoratori stagionali che vivono nella zona spesso in condizioni di degrado e con difficoltà di accesso al sistema sanitario nazionale.

Un impegno complesso, fatto di diverse componenti e bisognoso del contributo di tutti coloro che vogliono costruire un futuro diverso per Polistena.

In questo video, il contributo portato da alcuni dipendenti Unicoop Firenze che quest’inverno si sono recati negli agrumeti della Valle del Marro per partecipare alla raccolta