Grazie del vostro esempio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Conclusa la campagna “Una storia dietro ogni numero” facciamo tesoro dei racconti che i rifugiati hanno voluto condividere con noi

Abrham, Aminata, Basile, Laura, Olga e Robert, ci lasciano un grande esempio di coraggio e volontà.

Per 10 giorni abbiamo attraversato con loro la Toscana fermandoci nelle scuole (20 istituti superiori) dove abbiamo incontrato 1500 studenti; nei teatri, nei circoli Arci e nelle sezioni soci Unicoop Firenze per un totale di oltre 35 incontri. I loro racconti hanno emozionato tutti, essendo pieni di episodi drammatici e irripetibili ma anche di molto coraggio e fiducia nell’altro e nella vita: come scritto nella Convenzione di Ginevra il rifugiato è “una persona in pericolo, costretta a fuggire dal proprio Paese per un fondato timore di persecuzione a causa della sua razza, religione, nazionalità, per il gruppo sociale al quale appartiene, per le sue opinioni politiche”. Così, Abrham, Aminata e gli altri non hanno scelto di venire in Italia, semplicemente sono stati costretti a lasciare il proprio Paese dove tuttora non possono tornare, altrimenti rischierebbero la morte. Sono fuggiti dalle persecuzioni, dalla guerra e dalle dittature. L’Italia è stato il loro punto di approdo.

Con umiltà hanno cercato aiuto e pian piano si stanno ricostruendo una vita qui. Grazie alla compagnia teatrale “Cantieri meticci” di Bologna e all’UNHCR, sono entrati in contatto con la Fondazione Il Cuore si scioglie accettando di partecipare a questa iniziativa e di condividere con i cittadini italiani le loro storie per far conoscere le condizioni di vita dei rifugiati, perchè si ritrovano a dover fuggire e quali sono le problematiche dei loro Paesi.

Camerun, Sierra Leone, Costa d’Avorio, Eritrea. Da qui i rifugiati sono fuggiti e qui sognano di tornare un giorno per ricongiungersi ai familiari e ritrovare le proprie radici.
Come ha detto più volte Laura, che in Camerun ha lasciato una delle due figlie: “Io so che un giorno le cose cambieranno e che potrò tornare a casa“. Questo è l’augurio che facciamo a lei e a tutti i rifugiati.

LA GALLERIA FOTOGRAFICA DEGLI INCONTRI FATTI IN TOSCANA

"Una storia dietro ogni numero" - Campagna per i rifugiati. Incontro 25/11 all'Auditorium di Sant'Apollonia di Firenze