Mettiamoci un punto!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Festeggiamo l’8 marzo. Come? Un Manifesto affisso in tutti i punti di vendita di Unicoop Firenze che parla della “violenza” nella rete e tante iniziative in tutta la Toscana

Scarpe rosse, questo il titolo dell’installazione con performance di arte collettiva all’aperto, per fare rete contro la violenza sulle donne, a cura dell’artista fiorentina Alessandra Borsetti Venier, dell’associazione MultiMedia 91, che l’8 marzo sarà allestita in piazza Bartali a Firenze, accanto al Centro*Gavinana.

Oltre quattrocento paia di scarpe femminili dipinte di rosso, raccolte con l’aiuto di associazioni, scuole, biblioteche e cittadini, in modo da formare il numero 130, il numero dei femminicidi avvenuti in Italia nel 2013. Video, performance, letture di poeti, studenti e cittadini, e le sculture di Giampiero Poggiali Berlinghieri. In prima fila fra i lettori ci saranno le sezioni soci Coop di Firenze Sud Est, Nord Est e Bagno a Ripoli che hanno promosso gli eventi; accanto a loro, i ragazzi delle scuole del territorio, i volontari delle Bibliocoop, i dipendenti di Unicoop Firenze, numerosi poeti fiorentini e tutti quelli che, per caso e per scelta, assisteranno all’evento.

Sarà, invece, un 8 marzo dedicato alle donne e al loro impegno sociale, quello della sezione soci Coop Firenze sud ovest, con la consegna da parte della sezione soci di un premio ad Anna Sbandati, staffetta partigiana, fondatrice dei pionieri e dell’Udi, in riconoscimento dell’impegno civile che è arrivato anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, in una lettera inviata al Presidente Turiddo Campaini, ha voluto manifestare un suo messaggio personale ad Anna Sbandati, impegno propuso sia nel quartiere e in Unicoop Firenze. Appuntamento l’8/3, alle 16, allo Spazio Ops del Centro*Ponte a Greve. Racconto biografico e foto a cura di Franco Quercioli; letture e canzoni cura di Rudiae Cavaciocchi.

A San Donato in Poggio, a Palazzo Malaspina, fino al 30 marzo, la mostra a cura di Carola Ciotti “Passi di donna“, 50 opere di 6 artiste di diverse nazionalità, che si snodano tra fotografia, pittura, scultura e poesia, interamente incentrate sul mondo femminile. La mostra è patrocinata dall’Unione comunale del Chianti Fiorentino con il sostegno della sezione soci di Tavarnelle Val di Pesa. Aperta venerdì, sabato e domenica ore 15 -19. Ingresso libero.

Pranzo di pesce dedicato a tutte le donne e non solo ad Impruneta il 9 marzo, alle 12.30, al Ristorante Il Pruneto, l’intero ricavato andrà a Il Cuore si scioglie. Nel pomeriggio festa danzante, dalle 16 alle 19, organizzato dalla sezione soci con la Casa del popolo e lo S.p.i. Impruneta.

Numerose le iniziative promosse anche nelle altre province toscane dalle sezioni soci Coop per festeggiare la giornata internazionale della donna per tutto il mese di marzo:

Ad Arezzo, l’8 marzo, alle 17.30, alla Casa delle culture (ex Caserma Cadorna), in p.zza A. Fanfani, premiazione dei vincitori e visione degli elaborati presentati dagli studenti che hanno partecipato al concorso “Con gli occhi di lei” promosso nel triennio delle scuole secondarie di II grado del comune di Arezzo al fine di sollecitare una riflessione sulla tematica della violenza sulle donne. Interverranno la psicologa Laura Occhini, Università degli Studi di Siena, su “Le distorsioni e pregiudizi della comunicazione e Antonio Comerci, responsabile comunicazione istituzionale di Unicoop Firenze e direttore dell’Informatore, su “Informazione maschia… o femmina? Come riuscire ad evitare il sessismo nella comunicazione”.

L’8 marzo, alle 15.30, all’Auditorium Comunale, via Marzia, Montevarchi, premiazione della tesi di laurea su “L’universo femminile tra identità e rappresentazione: storie, immagini, linguaggi, modelli culturali ed educativi “ intitolato alla memoria di Caterina e Nadia Nencioni. Alle 20, nei Saloni della Basilica di San Giovanni Valdarno, cena di solidarietà (prenotazioni sezioni soci Coop Montevarchi e San Giovanni V.no). Alle 21.30 al Circolo Arci Marzocco di San Giovanni V.no, serata danzante.

Sarà uno scambio culturale e gastronomico quello organizzato dalla sezione soci di Prato in collaborazione con il gruppo giovanile Meltin_PO che l’8/3, alle 17, nella sala soci Coop di via delle Pleiadi, incontra le donne delle comunità straniere presenti nel territorio. Con assaggi dei piatti caratteristici preparati da ciascuna di loro. Nella galleria del punto vendita sarà allestita la mostra fotografica “50 sfumature di viso”.

Serata di festa l’8/3 al Circolo Arci Risorgimento Due Ponti di Siena, con Aresteatro. Alle 18, “Nonsolomuse”, performance di poesia, musica e danza con la compagnia Aresteatro, regia e coreografia di Marcella Cappelletti. Alle 19, “Prezzemolina e altre storie”, con Silvia Bruni, racconti e leggende della tradizione popolare ispirati ai personaggi femminili. Alle 20, buffet (costo euro 10) e, a seguire, alle 21, concerto della rock band femminile “I scream to cows”. Durante il concerto intermezzi di poesia al femminile con Margherita Gravagna e Emiliana Provenzale. Coordinamento e regia di Francesco Burroni.

L’8/3, alle 17, nella sala soci Coop di Pisa Cisanello, incontro con l’opera poetica, testimonianze e ricordi di Lucio Dalla. Parteciperanno l’attore e regista Giacomo Lemmetti, con Riccardo Capineri e Riccardo Venturi.

Il 22/3, alla Biblioteca San Giorgio di Pistoia, “Donne…oltre le sbarre. Parole e sogni dal carcere”, letture sceniche tratte da inediti di Claudia Caddeo, ex detenuta di Sollicciano e dai libri “Alice, la guardia e l’asino bianco” e “Alice nel paese delle domandine” scritti dalle detenute di Sollicciano, a cura di Monica Sarsini (ed. Le Lettere). Intervista a Claudia Caddeo a cura di Sara Barbanera.
Il 28/3 e il 12/4, alle 16.30, sempre alla Biblioteca San Giorgio, “Uomini”, letture di brani scritti da autori sul tema del femminicidio. Voci maschili da “Nessuna più” (edizioni Elliot). Analisi letteraria a cura di Ilaria Minghetti. Letture Compagnia di teatro Il Rubino diretta da Dora Donarelli. Ingresso libero.