Origami decorativi realizzati con scarti di tessuto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Mille farfalle colorate sono sparpagliate sul tavolo, le trine e i bottoni sono cuciti con gusto e sapienza e molti visitatori hanno già cominciato a provarsele sui baveri delle giacche.“Sono origami in stoffa, abbiamo provato a prendere ispirazione dalla tradizione giapponese con una tecnica però che sentivamo più nostra”. A parlare è Fiorella socia della sezione di Colle Valdelsa.

“È divertente perché possiamo sbizzarrirci con le idee, facciamo fiori, farfalle, animale i vari e poi cerchiamo sempre di rifinirli in modo diverso. L’idea è venuta ad una socia della sezione che un giorno si è presentata con un prototipo; ci abbiamo studiato un po’ su e poi siamo partite”.
Gli accostamenti di colori e la gentilezza delle forme di questi origami di stoffa rimandano subito a quell’armonia orientale che ha ispirato questa antica tecnica giapponese.
I pomeriggi di lavoro sono molto piacevoli, è un modo diverso per ritrovarsi e socializzare “io faccio questo animale, tu fai un fiore, passami quel bottone, stiamo insieme facendo anche qualcosa di buono e poi si Sto arrivando! che a dicembre ci sarà il momento dei banchini in cui qualcuno comprerà quello che hai prodotto. L’anno scorso un signore che ha preso un oggetto, quando ha saputo che lo avevo fatto io, ha voluto che ci facessi sopra l’autografo”.

(Foto di Rebecca Lena, Studio Riprese Firenze)

  • Sfoglia l’opuscolo dedicato alla Collezione Tum Tum